Paella

Paella
Paella 5 1 Anonymous

Era da molto che il mio fidanzato mi chiedeva di fare la paella…così mi sono decisa ed eccola qua! Abbastanza soddisfatta del risultato 😀 … e anche lui!

Ingredienti:
450gr riso basmati
100gr filetto di pollo
1 peperone rosso piccolo
1 cipolla
1 pomodoro (se piccoli anche 2)
una manciata di piselli (medi, non comprate quelli piccoli perchè altrimenti non risaltano nel piatto ;P)
6 taccole
1/2 cucchiaino di curcuma
misto mare (io ho usato: gamberetti, cozze, seppioline, pezzetti di pesce spada, polpa di granchio)
2 bustine di zafferano
aglio
prezzemolo
concentrato di pomodoro
noce di burro
Procedimento:
Ho tolto il pesce dal freezer la sera prima (io ho utilizzato del pesce surgelato, ovviamente fresco sarebbe meglio). In una padella ho messo dell’olio e fatto rosolare il filetto di pollo tagliato a pezzetti (non molto piccoli). L’ho messo da parte. In un’altra padella ho fatto rosolare la cipolla con l’olio e poi ho aggiunto (a fuoco basso) le taccole, i piselli, il pomodoro a pezzetti, il peperone a listarelle, salato e pepato  ho fatto cuocere per 10min con il coperchio a fuoco basso. (il pomodoro e i peperoni rilasceranno la loro acqua quindi non occorrerà aggiungerne dell’altra, qualora vi sembra troppo asciutto aggiungete mezzo bicchiere di acqua tiepida). Nel frattempo ho diviso le seppioline dal restante pesce perchè andrò ad aggiungerlo prima (necessita di maggiore tempo). Aggiungo allora le seppioline a pezzetti, il concentrato di pomodoro e l’aglio (schiacciato o in polvere). Dopo 10min aggiungo il misto di pesce che è rimasto. Contemporaneamente potete preparare una pentola dove andremo a bollire il riso (una mezza cottura). Nell’acqua di cottura del riso metto il sale, le bustine di zafferano e il curcuma. Quando saranno trascorsi 8minuti (la metà del tempo indicato nella confezione del mio riso) tolgo il riso e lo aggiungo al sughetto. Aggiungo anche il pollo che avevo preparato. Giro il riso ripetutamente affinchè si amalgami bene e aggiungo una noce di burro. Faccio mantecare e servo con del prezzemolo tritato. La nostra paella è pronta! 😀

Lascia un tuo commento

grazie VECCHIO GOURMET per i “preziosissimi” consigli.. io ho fornito semplicemente la mia versione della paella (da modesta food bloggers) a questo punto potresti fornirci la tua ricetta partecipando al mio contest:”le ricette oltre i confini” così potremo imparare da te! Ti ringrazio per aver visitato il mio blog

Anonymous ha detto:

Perchè non seguire la tradizione spagnola per riproporre le varie Paellas che è possibile trovare da Valencia a Barcelona, da Madrid a San Seastian? Il pesce deve essere fresco, altrimenti è preferibile non cucinare la Paella. Il riso poi va cotto nella “padellera” con tutto il resto e non si effettua una mezza cottura in acqua salata!
Lo zafferano (dimentica la curcuma che è solo un colorante, chiamata anche “zafferano dei poveri”) si aggiunge a fine cottura dato che il calore ne diminuisce il sapore e l’aroma (e nella padella).
Scusa per i tanti suggerimenti, in ultimo: non usare la frase “vado…a friggere…vado a cuocere, tu non vai, ma resti in cucina.
Ciao e auguri da un vechio gourmet.

dovete scusarmi..il blog è nato da pochissimo quindi devo sistemare tante piccole cose per permettervi di essere sempre aggiornati.
Grazie mila..6 la benvenuta!

Mila ha detto:

Adesso che mi sono iscritta alla tua newsletter vado molto meglio…. Complimenti per il blog!!!